COORDINAMENTO FABI GRUPPO INTESA SANPAOLO

Gruppo Intesa Sanpaolo

Inserito il 10 Maggio 2019

Scarica il file allegato

Il Coordinamento del Gruppo Intesa Sanpaolo, riunito a Rimini l’8 e il 9 maggio 2019, dopo un partecipato confronto


APPROVA
 

l’analitica e dettagliata relazione della Segreteria di Gruppo.


Il Coordinamento avviene in un momento delicato che vede la FABI protagonista nella fase di rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dove la fiducia nel settore bancario della clientela e del mondo politico è ai minimi storici.

Il Coordinamento si riconosce in pieno nelle posizioni articolate ed inequivocabili della Segreteria Nazionale e del Segretario Generale Lando Maria Sileoni ed è coeso e pronto ad intraprendere tutte le iniziative che si rendessero necessarie per la tutela dell’intera categoria, mobilitazione inclusa.

Il Coordinamento, preso atto del continuo aumento degli utili distribuiti agli azionisti del gruppo, ritiene fondamentale e prioritario il riconoscimento, anche economico, del lavoro svolto dalle colleghe e dai colleghi come adeguato compenso alla forte riduzione dei costi, alla chiusura di una buona parte della rete fisica e al costante aumento di carichi e ritmi di lavoro derivati dalla pesante riduzione degli organici, con grande attenzione alla conciliazione ai tempi di vita e di lavoro. La repentina e continua conversione del personale su nuove attività necessita di continua ed adeguata formazione.

Questa situazione dovrà ottenere, nella prossima trattativa sul PVR e sui sistemi incentivanti, l’adeguata soluzione.

Inoltre, considerate le significative uscite volontarie per esodi e pensionamenti, le filiali sono in estrema difficoltà con personale insufficiente a garantire un servizio adeguato alla clientela, il rispetto delle regole di conformità ed un sano clima di lavoro.

Il Coordinamento è consapevole che la filiale fisica dovrà tornare ad essere centrale e pertanto ritiene fondamentale ed indifferibile la ripresa di vera e nuova occupazione nella rete con nuove assunzioni su tutto il territorio nazionale.

Non potranno essere condivise nuove uscite di personale senza adeguate assunzioni sulla rete.

Il Coordinamento ha definito come prioritario il rispetto degli accordi sottoscritti a livello Nazionale e di Gruppo con particolare attenzione alle politiche commerciali, all’orario di lavoro ed al riconoscimento dello straordinario. Prassi, quella del lavoro straordinario non pagato che arricchisce indebitamente la Banca e che ha ripercussioni anche sulla riduzione dell’occupazione aziendale.

Il costante incremento degli organici della Filiale On Line conferma l’impegno a garantire la tutela della dignità e del rispetto delle lavoratrici e dei lavoratori.

Ogni FOL è un’unità produttiva sita su un territorio, come definito nella normativa nazionale, non saranno accettati tentativi di destrutturare il CCNL, pertanto gli accordi per la gestione del personale (ferie, assenze, permessi...) dovranno essere applicati nell’unità produttiva.

Il Coordinamento conferma l’impegno a ricercare soluzioni per valorizzare i percorsi professionali nella rete e nelle strutture centrali quale riconoscimento all’impegno profuso. 

Il Coordinamento riconosce e valorizza il ruolo della previdenza complementare e del welfare aziendale in generale, in particolare per i giovani e si impegna attivamente a promuovere la cultura della partecipazione in momenti statutari importanti come le elezioni per il rinnovo degli organismi.

I veloci mutamenti del contesto socio-politico e le peggiorate condizioni lavorative ai quali le colleghe ed i colleghi sono sottoposti, nonché il tentativo della controparte di erodere i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, verranno affrontati con risolutezza e, quando necessario, con una risposta forte e coraggiosa del Coordinamento, conscio dell’importanza degli accordi sottoscritti essendo il primo gruppo bancario in Italia.

 

Rimini, 9 maggio 2019

 


 

 

Se clicchi qui puoi andare sulla nostra pagina e mettere subito MI PIACE