SIAMO CONSULENTI E NON VENDITORI

Gruppo Intesa Sanpaolo

Inserito il 11 Aprile 2019

Scarica il file allegato

Le domande del Sindacato:

“È previsto un numero minimo di appuntamenti con i clienti in agenda?” 

“Sono previsti budget individuali?” 

“Fuori orario di lavoro (la sera, il fine settimana, durante ferie, malattie, congedi…) l’Azienda richiede che i colleghi restino connessi (cellulare, tablet e mail) e/o svolgano attività lavorative o formative?” 

La risposta univoca dell’Azienda:    NO

“La formazione deve essere pianificata e in orario di lavoro?”  “

L’Azienda tiene in debita considerazione eventuali rischi operativi derivanti dalla riorganizzazione in atto?” 

La risposta univoca dell’Azienda:    SI 

Tutto il resto sono… PRESSIONI COMMERCIALI!!!!

Queste in sintesi le risposte importanti ottenute nella giornata del 10 aprile 2019 durante il primo incontro annuale con l’Azienda dopo la fusione dei marchi nella nostra Direzione Regionale.  Alla illustrazione del contesto economico attuale fatta dal Direttore regionale Luca Severini sono seguite le richieste del tavolo sindacale e l’evidenziazione delle criticità in cui versa in particolare la Rete dopo gli interventi di riorganizzazione e di applicazione della ennesima revisione del modello di servizio. Abbiamo ribadito la necessità di consentire lo svolgimento della formazione in modalità flessibile per tutti i colleghi affinché ne sia garantita la corretta fruizione.  Abbiamo richiesto un adeguato supporto ai nuovi ruoli, fra cui quello dei gestori par retail. Abbiamo ottenuto che sia data adeguata attenzione e trovate le soluzioni più appropriate rispetto ai team estero gravati da condizioni lavorative che a oggi ne impediscono un corretto funzionamento rispetto al modello, e in prospettiva la valutazione della creazione di nuovi distaccamenti.   Abbiamo ottenuto la disponibilità dell’Azienda a tenere in debita considerazione - ai fini della valutazione di circostanze che possano implicare contestazioni disciplinari - le condizioni di lavoro estremamente gravose e di eccessivo carico. Raccomandiamo comunque a tutto il personale la massima attenzione al rispetto della normativa aziendale e di legge.  
 
Consapevoli che la realtà che si vive nel quotidiano e che abbiamo puntualmente rappresentato all’Azienda è ben diversa, invitiamo tutte le colleghe e i colleghi a segnalarci ogni comportamento difforme dalle dichiarazioni ufficiali dell’Azienda, in modo da consentire a queste OO.SS. di intervenire affinché tali comportamenti siano immediatamente riallineati a quanto dichiarato.  
 
Firenze, 10 aprile 2019 

I COORDINAMENTI RR.SS.AA ISP  AREE FIRENZE E PRATO-TOSCANA SUD-TOSCANA NORD-UMBRIA 

FABI – FIRST/CISL - FISAC/CGIL – UILCA – UNISIN 
 


 

Se clicchi qui puoi andare sulla nostra pagina e mettere subito MI PIACE